Chi siamo

30/09/2009 - L'iniziativa: io ospito i clandestini, e tu?

Bella o brutta, nuova o vecchia, artistica o comune, una fonte si caratterizza, innanzitutto, per l'acqua che vi scaturisce. Chi vi si reca ad attingere, sa già se la trova potabile, molle o calcarea, naturale o minerale, e va proprio lì e non ad un'altra perché risponde alle sue attese.

Allo stesso modo in un giornale, al di là della veste tipografica, che può essere accattivante o meno, fatto da professionisti o artigiani della penna, come nel caso nostro, ciò che conta primariamente sono le idee veicolate, il modo di porsi di fronte alla realtà. Consapevoli comunque che anche l'aspetto è importante faremo del nostro meglio per renderlo fascinoso.

Ci siamo messi insieme, provenienti da più paesi, accomunati dal desiderio di leggere e dar risonanza agli avvenimenti dei nostri centri che, seppure piccoli, possono avere, anzi hanno, qualcosa da dire, desiderosi di interpretare la realtà e, perché no, anche di contribuire ad orientarla.

Abbiamo fatto una precisa scelta di campo: siamo di parte, ma non faziosi; sovversivi e paradossalmente costruttori di pace; giammai neutrali, perché immancabilmente significherebbe fare il gioco del più forte; polemici, anche rissosi, per la dialettica insita nelle cose e nello stesso tempo obiettivi, il più possibile. Forse faremo solo un buco nell'acqua. Ma non possiamo rimanercene a guardare oltre.

Poiché la verità è sinfonica e non può essere appannaggio esclusivo di alcuni, escludiamo ogni forma di dogmatismo e di fondamentalismo, ma, anzi, siamo pronti a confrontarci, riconoscere, apprezzare la verità colta da altri prima di noi, meglio di noi, a differenza di noi. Non lavoriamo sott'acqua.

La fontana del villaggio era il luogo di ritrovo, di incontro, di comunicazione. Si attingevano e si trasmettevano notizie. Si faceva, in altre parole, cultura, nel senso vero e profondo e perciò sempre temuta dal potere dominante. Ogni comunità ne necessitava, pena la sua sopravvivenza, non solo fisica.

La nostra ambizione è di fare di questi fogli un mezzo di dialogo innanzi tutto fra noi, ma anche con quelli che, essendo fuori per motivi di studio o di lavoro, sempre più problematico in una regione dove il terremoto non è l'unico flagello, vogliono rendersi partecipi della nostra vita.

E' alla fonte che cuori aperti all'amore si recavano, si cercavano, si davano appuntamento perché le loro passioni potessero prendere consistenza.

Questa fonte tenta di esprimere l'amore che ci lega alla nostra terra, le utopie che coltiviamo, le attese che nutrono i nostri sogni. Vorremmo che diventasse luogo di incontro e di confronto. Qualora fossimo costretti ad andar controcorrente, non sarà per disfattismo. Anzi. E' l'acqua cheta che rovina i ponti.

La fonte è anche una persona degna di fede che trasmette notizie veritiere. Ci si può scommettere perché non inganna.

E dunque il periodico che vi ritrovate tra le mani vuole essere la fonte amica da cui sgorga tutto questo ed altro ancora. Non senza la vostra partecipazione.

Aggiornamento Giugno 2010:
 
è nata la nuova Associazione LA FONTE MOLISE Onlus
 
Nominativi del consiglio e dei soci fondatori:
 
- Carlone Dario, presidente
- Di Lalla Giuseppe, vicepresidente
- Mastropietro Annamaria, segretaria
- Paduano Maria Grazia Rita, tesoriere
- Di Lalla Antonio, Direttore Giornale LA FONTE
- Carlone Marialucia, Revisore Contabile
- D’Adamo Domenico, Proboviro
13 Luglio 2010

Rating & Info

Questa pagina è stata letta: 14458 volte

Parole chiavi:
----



Allegati alla news

Atto costitutivo Associazione LA FONTE MOLISE ONLUS
(42.62 kb)


Dettagli fotografici

L\'iniziativa: io ospito i clandestini, e tu?



i nostri Sondaggi

Quale modello di ricostruzione vi è sembrato il più efficace?
Umbria
Friuli
Molise
Abruzzo
Quale modello di ricostruzione vi è sembrato il più efficace?
Umbria46.72%
ff
Friuli40.15%
ff
Molise13.14%
ff
Abruzzo0%
ff